Diritto successorio Svizzera – 5 controversie comuni in materia di eredità

* Questa è una voce digitale. Alcuni testi potrebbero non essere pronunciati perfettamente.

I beni immobili sono spesso una componente particolarmente preziosa di un’eredità. Allo stesso tempo, sono emotivamente carichi e possono rappresentare un mezzo di sostentamento per alcuni eredi, ma per altri un peso – consegnato dal testatore. Di conseguenza, quando si parla di diritto successorio in Svizzera possono sorgere rapidamente delle controversie.

Per questo motivo è ancora più importante occuparsi tempestivamente delle norme di successione relative alla proprietà e al patrimonio. I testatori dovrebbero parlare con i loro futuri eredi legali e definire una buona soluzione nel testamento o nel contratto di successione. È importante mettersi per tempo nei panni del testatore e pensare al testamento, al patrimonio e al contratto di successione.

In questo articolo, potrete leggere le controversie più comuni in materia di successione immobiliare e come queste possano essere risolte al meglio o addirittura evitate fin dall’inizio – grazie al testatore. Vale quanto segue: più il testatore ha registrato con precisione il proprio testamento, più è facile evitare conflitti.

Chi eredita quanto?

La controversia più frequente in caso di eredità è chi eredita quanto. Spesso ci sono diversi eredi legali che si ripromettono tutti una quota dell’eredità. In assenza di testamento o di contratto successorio, si osserva l’ordine di successione previsto dalla legge. La successione è organizzata come un cosiddetto sistema parentale e specifica quali persone hanno diritto all’eredità in quale ordine.

In Svizzera, come in molti altri Paesi europei, le parentele sono organizzate in base al grado di parentela. I parenti del secondo o terzo ordine ereditano solo se non ci sono parenti del genitore precedente. Con il terzo ordine, termina il diritto legale di successione dei parenti.

Diritto successorio Svizzera – Chi ha diritto all’eredità?

Tra l’altro, i testatori hanno il diritto di dare la loro eredità alla persona che scelgono. Questi non devono necessariamente essere parenti. Tuttavia, è importante registrare con precisione le preferenze. Se gli eredi aventi diritto non rinunciano esplicitamente all’eredità, hanno diritto alla loro quota obbligatoria secondo il diritto successorio svizzero, nonostante l’eventuale diseredazione.

Come si possono organizzare in modo equo i prelievi anticipati?

In Svizzera si ricorre spesso al cosiddetto prelievo anticipato di eredità previsto dalla legge. Si tratta di una donazione o di un “trasferimento gratuito in vita di un bene”. Se i genitori forniscono un tale contributo finanziario ai figli, in caso di morte vi è un obbligo di perequazione nei confronti degli eredi uguali, a meno che non sia stato espressamente rinunciato.

Tuttavia, la donazione non deve violare la quota obbligatoria degli altri eredi. Di conseguenza, è importante considerare l’obbligo di perequazione quando si dona l’immobile. In caso contrario, potrebbero esserci spiacevoli sorprese, come ad esempio che l’erede che vive nell’immobile debba venderlo per pagare agli altri eredi la loro quota obbligatoria.

Nella divisione dell’eredità vale sempre il valore di mercato dell’immobile al momento del decesso. Se la proprietà è aumentata di valore tra la donazione e il decesso, il beneficiario superstite deve compensare finanziariamente tale aumento di valore.

In alternativa all’eredità anticipata, è anche possibile vendere la proprietà a uno dei figli al valore di mercato o optare per una donazione mista. In questo modo , la proprietà rimane in famiglia e i dettagli vengono chiariti prima della morte. I genitori hanno la possibilità di riservare un diritto di usufrutto o un diritto di abitazione.


Suggerimento: se trasferite la vostra proprietà ai vostri figli, ci sono aspetti fiscali complessi da considerare. È meglio rivolgersi a un esperto.

Cosa fare in caso di proprietà e di più superstiti interessati?

Quando ci sono più eredi, essi diventano automaticamente parte di una comunione ereditaria. Si tratta di una “comunità obbligatoria” che possiede la proprietà come comunità. Ciò significa che i superstiti non possono disporre autonomamente di parti dell’eredità. Sono corresponsabili e devono anche decidere congiuntamente e all’unanimità.

Nel caso dei beni immobili, i conflitti sorgono spesso perché alcuni superstiti vogliono mantenere la proprietà o viverci loro stessi, mentre altri votano a favore della vendita. Innanzitutto, è importante sapere che la comunione ereditaria eredita anche gli obblighi, cioè deve continuare a servire il prestito immobiliare, ad esempio. Gli eredi rispondono anche delle mancanze di altri superstiti, in particolare del loro patrimonio privato.

Se gli altri superstiti concordano sul fatto che uno degli eredi debba acquistare l’immobile, è opportuno far stimare il valore della proprietà da un esperto. In questo modo è possibile determinare il prezzo di acquisto. Il superstite acquirente paga agli altri eredi la rispettiva quota del prezzo della casa.

A proposito: l’imposta sulle plusvalenze immobiliari è dovuta anche per le successioni immobiliari. Calcolatela ora con il nostro calcolatore:

Calcola ora


In caso di stallo nella gestione dell’eredità, la soluzione migliore è un’azione di distribuzione dell’eredità. In questo modo gli eredi possono reclamare la propria quota e poi ritirarsi dalla comunione ereditaria. Tuttavia, si tratta di cause costose e lunghe, per cui dovrebbero essere l’ultima risorsa. Provate prima a ricorrere alla mediazione professionale.

Nell’ambito della divisione di un’eredità, la proprietà viene talvolta messa all’asta per ordine del tribunale. L’asta può avvenire internamente tra i superstiti o esternamente sul mercato. Con un’asta interna, c’è il rischio che un erede gonfi artificialmente il prezzo per “avere la meglio” sull’altro erede superstite. L’asta sul mercato è quindi la scelta migliore, ma non garantisce un buon prezzo. L’ideale sarebbe quindi che la proprietà ereditata fosse venduta da un agente immobiliare.

Suggerimento: le comunità di eredi possono rimanere unite per anni o decenni. Sono sempre riorganizzati, in quanto i membri deceduti vengono sostituiti dai loro superstiti. Di conseguenza, stanno diventando sempre più grandi ed eterogenei, ma anche più volatili. È quindi opportuno sciogliere la comunione ereditaria al momento giusto, anche se non ci sono problemi.

Che cos’è la quota obbligatoria?

La parte obbligatoria protegge gli eredi come il coniuge, i figli e i genitori. Ciò significa che anche se non siete menzionati nel testamento, riceverete comunque una quota dell’eredità. La porzione obbligatoria di protezione di coniugi, figli e genitori può essere revocata solo in casi gravi. Se, ad esempio, l’erede ha commesso un grave reato contro il testatore o una persona a lui vicina, può essere privato del diritto a una porzione obbligatoria ai sensi del diritto successorio. L’eventuale inammissibilità di una quota obbligatoria deve quindi essere specificamente indicata e provata dal testatore.

Secondo il Codice civile svizzero, la parte obbligatoria è la seguente

  • Per i discendenti come figli, nipoti e pronipoti, tre quarti della quota ereditaria prevista dalla legge in ciascun caso.

  • Metà della quota ereditaria prevista per legge per i coniugi e i partner registrati

  • Metà della quota ereditaria prevista per legge per ciascun genitore

I genitori hanno diritto alla loro quota obbligatoria solo se il testatore non ha figli.

Per inciso, la parte obbligatoria è organizzata in modo leggermente diverso in Germania, ad esempio. In questo caso, gli eredi hanno diritto alla metà della loro quota ereditaria prevista dalla legge. In Svizzera, questa normativa è quindi più favorevole per i figli, i nipoti e i pronipoti del defunto.

Una situazione difficile con la quota obbligatoria è che il partner superstite non può detenere la proprietà da solo, poiché deve pagare agli altri eredi la loro quota obbligatoria dall’eredità. In questo caso, un testamento è un modo per registrare le soluzioni appropriate. Inoltre, gli altri eredi possono rinunciare alla loro quota obbligatoria.

Secondo il diritto successorio, l’ammontare della quota ereditaria del partner superstite dipende anche dagli altri eredi legittimi e dal loro rapporto con il defunto.

In questo caso si applicano le seguenti disposizioni in base al diritto successorio e all’eredità svizzera:

  • Oltre agli eredi del 1° genitore, il coniuge superstite riceve la metà dell’eredità.

  • Oltre agli eredi del 2° genitore, il coniuge superstite riceve i tre quarti dell’eredità.

  • Se non ci sono discendenti del genitore, il coniuge superstite riceve l’intera eredità.

Nota: in Germania è possibile fare del coniuge superstite l’unico erede in un testamento di Berlino. Solo se il superstite, in questo caso il coniuge, muore anche gli altri beneficiari ereditano. Questo può anche essere rafforzato da una clausola penale. Il diritto successorio svizzero, invece, riconosce solo i testamenti e i contratti successori individuali, motivo per cui i testamenti congiunti di coniugi o partner registrati non sono purtroppo validi.

Come si può garantire che il partner superstite possa continuare a vivere nell’immobile?

Spesso accade che l’immobile sia stato affittato, ad esempio ai propri figli, e che gli inquilini non vogliano trasferirsi dopo la morte del coniuge. Allo stesso tempo, questa proprietà è spesso l’unico modo per il coniuge superstite di continuare a vivere a un prezzo vantaggioso.

È ragionevole concordare un usufrutto in una fase iniziale. Una pianificazione successoria tempestiva permette di eliminare proprio questo rischio. Pertanto, parlate con i vostri figli o con altre persone che utilizzano l’immobile in questione. Questo vale anche per i prelievi anticipati.

Il diritto di usufrutto è valido solo in presenza di un accordo pubblico notarile. Deve anche essere iscritta nel registro fondiario. L’iscrizione può essere fatta al posto di un regalo. Ciò significa che il beneficiario può godere dei vantaggi della proprietà, ma non ne diventa proprietario.

In altri casi, è opportuno trasferire la proprietà ai figli prima del decesso. Ciò significa che il coniuge superstite non è costretto a vendere la casa per pagare le spese di assistenza e di casa di cura. Poiché non ha più alcun diritto di proprietà sull’immobile, tutte le questioni finanziarie sono già state risolte prima del decesso.

La successione immobiliare è una questione complessa che spesso può portare a controversie ereditarie riguardanti la proprietà, l’imposta sul passaggio di proprietà o la quota obbligatoria. Saremo lieti di fornirvi una consulenza sul diritto successorio in Svizzera e sul modo migliore di gestire una proprietà ereditata: contattateci qui per fissare una consulenza!

Consulenza gratuita

Tutte le informazioni sono senza garanzia. Le informazioni contenute in questo sito web sono state accuratamente studiate. Tuttavia, non si assume alcuna responsabilità per l’accuratezza delle informazioni fornite.

Per saperne di più sull'autore

Properti

Properti – offriamo una competenza immobiliare semplice e comprensibile. Grazie alla nostra esperienza pluriennale e all’attenzione per le tendenze del settore, siamo sempre al passo con i tempi e possiamo fornire ai nostri clienti le informazioni più importanti sugli immobili.

Altri articoli

Domande? Fissate subito una consulenza gratuita o chiamateci:

Calcolo del valore della proprietà

Scoprite gratuitamente il valore di mercato del vostro immobile utilizzando il nostro strumento online. Riceverete una prima analisi completa in pochi minuti.

La ricerca di una nuova casa inizia ora

Cercate una nuova proprietà? Saremo lieti di effettuare la ricerca per voi in modo completamente gratuito. Sedetevi e lasciate a noi il lavoro. La ricerca della casa perfetta richiede tempo e frustrazione, per questo motivo rendiamo questo processo il meno stressante possibile.

Conoscenza attuale della proprietà

Le nostre pubblicazioni “Insights by Properti” forniscono agli operatori del settore immobiliare informazioni aggiornate e utili. Fedeli al nostro approccio – il mercato immobiliare è complesso, noi lo rendiamo più facile da capire.

È possibile scaricare direttamente e gratuitamente i nostri articoli.

Ihr Download:
Checkliste für den Umzug steht fast bereit!

Dank unserer hilfreichen Checkliste geht bei Ihrem Umzug nichts verloren.

DATENSCHUTZ: Ihre personenbezogenen Daten verarbeiten wir gemäss dem Bundesgesetz über den Datenschutz zur Bearbeitung Ihrer Anfrage. Weitere Informationen zu unserem Umgang mit personenbezogenen Daten, insbesondere zu Ihren Rechten als betroffene Person, finden Sie in unserer Datenschutzerklärung.

Theme Version: 1.1.4